06 NOV 2021

data confermata  

La Serra, cresta sopra il Lago del Salto

Il Salto, vista la sua linea costiera così frastagliata, più che un lago sembra un enorme fiordo e per poterlo vedere per intero bisogna salire in alto. Non basta ascendere il Monte Navegna perchè tutta la sua parte settentrionale rimarrebbe comunque nascosta ai nostri occhi inclusa la diga che fu eretta nel 1940 per permettere la sommersione di una profonda valle nel Cicolano.

Per poter ammirare il lago artificiale più grande del Lazio occorre conquistare la cresta del Monte La Serra passando in boschi cedui di querce, carpino nero e castagno che sempre più in alto diventano pini lasciando spazio, in cresta in primavera, a distese di narciso.

E una volta giunti lì, oltre allo specchio del lago, è incredibile la quantità di cime laziali ed abruzzesi che si possono ammirare in condizioni di cielo limpido con il Gran Sasso e il Velino che spiccano e che si possono osservare insieme in un solo sguardo.

Santa Filippa, dopo aver incontrato San Francesco d’Assisi nel primo terzo del 1200, decise di stabilirsi ai piedi di questa montagna, in solitudine e contemplazione all’interno di una grotta (che raggiungeremo nel nostro percorso) rinunciando agli agi e fasti che la sua famiglia di appartenenza, i conti Mareri, le avrebbero consentito. Anni dopo fondò un monastero proprio nella valle che sarebbe stata fatta invadere secoli dopo dall’acqua e i cui resti spesso si scorgono d’estate quando il livello del lago scende.

 

Per prenotazioni e informazioni contattare

Agostino Anfossi

Guida AIGAE
Professionista operante ai
sensi della Legge 4/2013
Cell 377 55 010 91

___ Note tecniche ___

  • Lunghezza in Km
    Lunghezza in Km 11
  • Dislivello complessivo in m
    Dislivello complessivo in m 600
  • Difficoltà
    Difficoltà E
  • Numero di ore (soste escluse)
    Numero di ore (soste escluse) 6
  • Costo per partecipante
    Costo per partecipante 15

La parte finale della cresta del Monte Serra è leggermente esposta su entrambi i versanti e sconsigliata a chi soffre di vertigini. E’ possibile fermarsi poco prima (a circa 1 km dalla vetta), godere comunque del paesaggio mentre si attende il ritorno del gruppo per quel punto al rientro.

Per partecipare è indispensabile conoscere e sottoscrivere le Regole di partecipazione relative al COVID-19 che intendiamo far rispettare durante le nostre attività.

Gli organizzatori si riservano la facoltà di variare il percorso e la sua durata in base alle condizioni meteo, dei sentieri o fisiche dei partecipanti.

___ Cosa portare ___

Scarpe da trekking e fischietto obbligatori
Bastoncini da trekking facoltativi ma fortemente consigliati
Consigliamo di vestirsi a strati con indumenti traspiranti e antivento/antipioggia e di portare indumenti di ricambio da lasciare in auto
Pranzo al sacco e almeno 1,5 litri d’acqua

Gli accompagnatori si riservano la facoltà di negare la partecipazione qualora giudicassero non adeguato l’equipaggiamento posseduto dall’escursionista.

___ Trasporto ___

Il trasporto è a carico del partecipanti.

___ Appuntamento

Ci incontreremo, puntuali, alle 9:30 nei pressi di Fiamignano (RI). Maggiori dettagli verranno forniti al momento della conferma dell’escursione.

Al fine di gestire al meglio l’organizzazione dell’escursione è OBBLIGATORIO PRENOTARE contattando direttamente PER TELEFONO le Guide entro le ore 19:00 del 04/11/2021.

___ Guide AIGAE ___

Indietro
WhatsApp
Telegram