23 APR 2022

data confermata  

Norchia, necropoli e Cava Buia della Piccola Petra

Qualcuno la indica come la “piccola Petra” italica. Norchia, posta su rilievi tufacei incisi profondamente da torrenti confluenti nel Biedano, è stata abitata a partire dall’epoca preistorica e poi dagli Etruschi che hanno scavato le sue pareti ricavando bellissime tombe per lo più a forma di dado con tanto di scale, tetti e piccoli porticati che richiamano, con le dovute proporzioni, le costruzioni ricavate dai Nabatei nel famoso sito della Giordania. Alcune di queste, come la Tomba Lattanzi, sono di dimensioni monumentali; altre, come quelle della valle del fosso Acqualta, riproducono le forme dei tempi dorici, con i frontoni e la parete inferiore scolpiti con simboli e cortei di personaggi.

Risalendo lo sperone opposto a quello di discesa si incontrano punti panoramici sulla necropoli più estesa e si entra, attraverso la cinta muraria, nella storia medievale di Norchia con le rovine del Castello e della pieve di San Pietro.

Si ridiscende nuovamente e, dopo aver guadato il Biedano nei pressi dei resti dei pilastri di un antico ponte, ci si addentra nella fitta vegetazione e all’improvviso compare la Cava Buia, un solco verticale che arriva a 10 metri di altezza scavato nel tufo dagli Etruschi che funge da corridoio per raggiungere il pianoro soprastante; con la sua incredibile lunghezza di 400 metri è probabilmente la più lunga via cava presente nel Lazio e forse la più affascinante. Anche i Romani la utilizzarono a lungo per farci passare la loro via Clodia nel tratto che congiunge Blera con Tuscania e una volta giunti al suo termine, si capisce perchè alcuni studiosi le attribuiscono un significato metaforico molto importante.

NB: L’itinerario richiede un paio di attraversamenti di torrenti; la Guida si riserva di modificare l’itinerario nel caso in cui le condizioni meteo e idrometriche rendessero problematico il guado.

Per prenotazioni e informazioni contattare

Agostino Anfossi

Guida AIGAE
Professionista operante ai
sensi della Legge 4/2013
Cell 377 55 010 91

___ Note tecniche ___

  • Lunghezza in Km
    Lunghezza in Km 10
  • Dislivello complessivo in m
    Dislivello complessivo in m 200
  • Difficoltà
    Difficoltà E
  • Numero di ore (soste escluse)
    Numero di ore (soste escluse) 4
  • Costo per partecipante
    Costo per partecipante 15

L’itinerario richiede un paio di attraversamenti di torrenti; la Guida si riserva di modificare l’itinerario nel caso in cui le condizioni meteo e idrometriche rendessero problematico il guado.

___ Cosa portare ___

Scarpe da trekking e fischietto obbligatori
Consigliamo di vestirsi a strati con indumenti traspiranti e antivento/antipioggia
Pranzo al sacco e almeno 1,5 litri d’acqua

Gli accompagnatori si riservano la facoltà di negare la partecipazione qualora giudicassero non adeguato l’equipaggiamento posseduto dall’escursionista.

___ Trasporto ___

Il trasporto è a carico dei partecipanti.

___ Appuntamento

Ci incontreremo alle 9:30 nei pressi di Vetralla (VT). Dettagli ulteriori saranno forniti in fase di conferma dell’escursione.

Al fine di gestire al meglio l’organizzazione dell’escursione é OBBLIGATORIO PRENOTARE contattando direttamente PER TELEFONO le Guide entro le ore 19:00 del 21/04/2022.

___ Guide AIGAE ___

Indietro
WhatsApp
Telegram